Ricette

pasta fredda al pesto di rucola e spinacino arricchita da filetti di tonno al naturale zarotti

Tante sono le cose che la primavera porta con se; il rinnovamento, la leggerezza , le giornate tiepide , un tripudio di alberi fioriti e la consapevolezza che presto ci sarà la prova costume.

🙄🙄🙄🙄🙄🙄🙄

 

E tu donna, partorirai con dolore! E non è tutto

ti aspetteranno sessioni di squat, jumpin’ squat e soffrirai.

Soffrirai con burpees, crunch e affondi , alternati, bulgari e non; e se sono bulgari ci piacerebbe che li facessi con 20 chili di ghisa sennò non valgono.

Gli allenamenti, la corsa del pomeriggio, il tapis roulant e la cyclette.

E millemila ripetizioni di tutto.

E soffrirai.

E porterai tacchi da dodici centimetri   con la punta talmente appuntita da poter facilmente pulire anche negli angoli e dichiarerai al mondo che tu con i tacchi ci corri anche sui sanpietrini , salvo poi la sera strapparli dai piedi e smettere di soffrire e chiedersi perchè mai è illegale uscire in pigiama e ciabatte.

😂😂😂😂😂

Porterai guaine fascianti per nascondere la panza che una muta da sub ti sembrerà uno scherzo.

Ti spalmerai di alghe putrefatte puzzolenti che ti si avvertirà da chilometri di distanza pur di combattere la pelle a buccia d’arancia, ma al mare, come vedrai una poseidoina galleggiare griderai come una pazza pensando chissà di quale bestia si tratta.

Donna , mangerai gallette di polistirolo al posto di usarle per livellare i tavoli e ordinerai la pizza senza olio, senza mozzarella e senza pizza perchè sarai ostinata nella tua sofferenza .

e la pinta di birra , il calice di vino sostituiti da una tristissima coca zero.

Ti sacrificherai in pratiche dolorosissime come cerette brasiliane, portoghesi arabe e austroungariche senza dimenticare il temutissimo filo arabo che in quanto a torture è secondo solo alla vergine di norimberga.

Donna, a marzo inizia la tua trasformazione da bozzolo a crisalide , ti toglierai  i vari strati di cappotti, sciarpe, canottiere  e uscirà fuori il sacrificio di mesi passati a mangiare muschi e licheni e sarai felice dopo aver sofferto la fame nera, ingurgitato broccoli sconditi e fettine tristissime di pollo fatto ai ferri che ormai te le sogni pure la notte  e quando ti diranno ma che meraviglia, sei dimagrita moltissimo, ti verrà quasi da piangere per l’emozione, che è un attimo e partono i ringraziamenti come la notte degli oscar!

Ed è proprio a marzo,

quando l’inverno fa finta di volgere al termine e gli alberi sono in fiore e in lontananza si sente l’eco della bella stagione, che più che una gioia, diciamolo, che arriva con un carico di ansia non indifferente.

E al posto di sentire rane gracidanti e uccellini cinguettare, da lontano arriva un suono lugubre e sinistro:

LA PROVA COSTUME.

E lo senti bisbigliare in primis, quasi a bassa voce e poi piano piano  il tono deciso, fermo , imperante

E la prova costume è qui.

Manca poco.in effetti senti già il ciabattare placido e il profumo di olio di cocco .

E tu , cioè io, non sei una di quelle che si è nutrita di aria fritta e briciole come pollicino;

No, tu hai mangiato la strega, la casa, il paiolo e il focolare.

e pure pollicino se non si fosse nascosto.

😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Ed hai sofferto con i crunch, gli squat e i jumpin’ squat, esattamente com’è stato scritto nelle sacre scritture

Ti sei spalmata la poseidonia viva, morta e putrefatta ed hai scavato tu stessa i sali del mar morto per farti gli impacchi.

Hai sofferto , come donna, uguale a quando hai partorito, ma quello è stato una passeggiata a confronto dei 500 addominali alti, bassi, obliqui e traversi che non hai potuto tossire per giorni, settimane  e forse non tossirai mai più fino alla fine dell’anno,  per paura che si sganci qualche addominale e  parta la panza come i bottoni di una vecchia reclame delle pastiglie fisherman 😂😂😂😂😂😂

🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Ed io , perchè ho  fatto tutto questo ?

perchè amo la sofferenza? perchè sono masochista?

perchè sognavo di avere un fisico della Madonna (giusto per restare in tema di Sacralità)?

No, ho fatto tutto questo per poter tornare a casa e mangiare!

per poter mangiare la pizza con l’olio, la mozzarella ,la quattro stagioni, i broccoli e la  salsiccia, tutti insieme appassionatamente! L’ho fatto in nome della pinta di birra, del fritto misto e del kebabbaro!

E’ questa la verità!

Non me ne importa della prova costume che mi chiama ammaliante come le sirene d’Ulisse, non m’importa di mostrare l’addominale scolpito che non avrò mai e nemmeno il culo (si può dire culo?)  alto come quello delle kardashan, che mi dovete sempre giurare che è vero costruito a colpi di cosce alzate e sudore versato! Ecco!

NON M’IMPORTA SE IN SPIAGGIA NON MOSTRERO’ LE MIE GRAZIE COME LA VENERE DEL BOTTICELLI

tanto in spiaggia ci sarei andata comunque, nascondendomi sotto la sabbia o con un comodissimo burqua.

😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Ma la primavera non è solo la minaccia dell’estate in lontananza, ma segna anche il risveglio di madre natura prima che questa diventi matrigna con temperature assurde e zanzare assassine e in questi giorni di temperature miti di giorno e fresche di sera si avverte il profumo degli alberi , le giornate che si allungano e i fiori spuntano ovunque luminosi e ti danno l’impressione che questo sia un mondo fantastico e  ti viene proprio quella voglia di leggerezza , che non sai se è più un correre ai ripari velocemente o se è proprio che il tuo fisico ti sta dicendo basta, smettila che fra poco non ti reggo e ti lascio a piedi!

E non è facile , perchè questo mondo bellissimo si divide in sporchi e cattivi con tutto il cibo più buono ma che inesorabile fa sempre male e in bravi ma noiosi con quelle zucchine bollite, il riso anemico e la curcuma buttata lì a secchi per fare tutto più saporito!

Vi sembrerà strano, ma ho trovato la soluzione alla leggerezza tanto agognata e al gusto , senza eccedere con le calorie.

E leggerezza senza ettolitri di grassi da queste parti non è che si vedano molto spesso😂😂😂😂😂

E’ un pò come andare contro se stessi; ma io ce l’ho fatta, sono riuscita a coniugare tutto questo e me lo sò magnato anche senza pensare a quanti chilometri avrei dovuto percorrere dopo ! 😂😂😂😂😂😂😂😂😂

L’idea era esaltare la primavera , ovviamente con  gusto e non poteva non essere uno dei primi pesti della stagione fatto con rucola e spinacino accompagnati dai trancetti di tonno al naturale zarotti!

     

Sapete che il  tonno è una fonte di acidi grassi omega tre , essenziali per il benessere cardiovascolare , quindi oltre ad essere buono fa anche bene! Ovviamente , come ripeto sempre, affidatevi ad aziende certificate che pescano rispettando il mare e producono rispettando l’ambiente proprio come fa l’azienda  zarotti .

Scegliamo il sostenibile  come filosofia di vita ❤ per noi oggi e per le generazioni future domani ❤

Vi lascio alla ricetta (direte finalmente 😂😂) ma prima vi chiedo :

Cos’è per voi la primavera? un preludio imminente della prova costume o un dolcissimo risveglio?

Vi leggo!

Vi ringrazio per aver letto fin qui e se vi piace il mio lavoro lasciatemi un ❤ per supportarmi!

Enjoy life 🎈

pasta con pesto di rucola e spinacino arricchita da filetti di tonno al naturale zarotti

per due persone

200 gr di pasta per insalate ( io ho usato la molisana)

! mazzetto di rucola da circa 100 gr

1 mazzetto di spinacino da circa 150 gr

110 gr di filetti di tonno al naturale

30 ml di olio

60 gr di parmigiano

20 gr di pecorino

1 manciata generosa di noci

2 cucchiai di acqua

2 pomodori tondi

sale q,b.

Pepe q.b.

Olio evo per completare

procedimento:

Portate ad ebollizione un litro d’acqua.

Quando bolle salatela ,versate la pasta e fate cuocere .

Scolate la pasta qualche minuto prima della fine della cottura ,versatela in una boule,condite con due cucchiai di olio e  lasciate raffreddare.

Lavate la rucola e pulite lo spinacino dalle radici. sciacquateli entrambi con acqua freddissima, tamponateli leggermente ,metteteli nel mixer e frullateli.

Versare nel mixer l’olio, i due formaggi e le noci.

Frullare ripetutamente ed aggiungete l’acqua o un altro cucchiaino d’olio affinchè si amalgami il tutto e divenga una crema.

Aggiustate di sale e pepe e tenete da parte.

Tagliate i pomodori a dadini, condite con sale, olio e aggiungete il tonno, mescolate il tutto e fate insaporire.

Quando la pasta sarà fredda, condirla con una dose generosa di pesto, aggiungere la coulis di pomodoro e tonno e amalgamare il tutto.

Impiattate e completate  con un altro filetto di tonno e un filo di olio d’oliva.

gustata fredda è favolosa.

Grazie per aver letto fin qui e alla prossima ricetta 😉

 

Post correlati

torta di compleanno

Teresa

gnocchetti di carote in acqua di pomodoro e sgombro zarotti

Teresa

acqua sale rivisitata con tonno alalunga zarotti

Teresa

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.