torte da credenzaTorte semplici e plumcake

torta al limone

Se io potessi vivrei in un autunno perenne; non ne ho fatto mai un segreto che è la mia stagione preferitissima ed è proprio questo l’incipit con cui ho aperto il reel di oggi, che in realtà l’avevo programmato per domani, ma chissà come mai, mister zuccone, fa le cose esattamente a capa soa e non si è programmato e quindi è partito poco fa, in questa assolatissima e caldissima domenica di fine giugno.

Il punto è che ho dato appuntamento su questo blog per la ricetta e la ricetta la sto scrivendo esattamente adesso, mentre se la programmazione fosse andata a buon fine, avrei avuto anche qualche minuto domani mattina per completare; qua due sono i fatti o non ho saputo programmare io o come sempre instagram ha fatto a fatto suo.

L’estate è qui e anche se io oscillo tra il vi odio tutti e vi amo tutti , ma la freccetta si inclina più sul vi odio 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

ma non è odio cattivo ,  no è  quell’odio da innamorati, tipo adolescenti, oggi ti odio, domani t’amo follemente, ma piuttosto follemente lo toglierei, che finchè si va  al mare  allora è t’amo follemente, il problema è quando al mare non ci vai e quindi sei li a morire di caldo e quindi è odio 😂😂😂😂😂😂😂

odio fatto di sudore azzeccat azzeccat e fai venti docce e sei punto d’accapo e ti vedi sempre uguale al rotomop, mentre le tue amiche sono di una freschezza unica anche quando il vento  scompiglia loro i capelli, che se fosse capitato a te, saresti già sembrata la brutta copia del mocio.

sto cercando di mantenere la calma e non farmi sopraffare dagli eventi ,  leggi caldo e gente , gente e caldo che insieme sono una combinazione letale e so già che alla fine di agosto avrò bisogno di un lungo inverno per riprendermi dal caldo, dalla gente, da tutto.

Anche da me stessa ovviamente, dalla milionata di pippe che mi hanno oppressa e dalla fatica degli impegni che quando lo racconto, non mi crede nemmanco nessuno-

ma è facile, visto che quando voi lavorate  è inverno e quando lavoro io fa caldo e non lo so, se non è già un grande disagio questo!!!

😅😅😅

Che poi, lo vorrei dire, è il mio lavoro e mi piace molto ma ovviamente non è privo di effetti collaterali, come ovviamente  tutti i mestieri del mondo e non sto nemmeno li a tirarmela più di quanto dovrei , perchè ci sono lavori veramente difficili a confronto, ma se potessimo come umanità migliorarci non sarebbe certo male.

Anzi, ne miglioreremmo tutti.

E quindi, perchè mai, voi che venite in vacanza siete già partiti col disagio da casa ?

pensate che forse la vacanza vi farà scomparire il disagio ?

Dovreste rilassarvi invece di correre stressati da una parte all’altra , seguendo le vostre liste , inflessibili per giunta, dove non è possibile sgarrare di un millisecondo, altrimenti non vi trovate con lo step successivo;

ma cosa vi è sfuggito dell’essere in vacanza? qual è il tassello mancante tra voi e il relax agognato tutto l’anno? non fatevi fuorviare da quelle piccole rogne quotidiane , veramente molto fastidiose, che però, possono essere affrontate con più leggerezza, senza compromettervi il divertimento.

E quindi niente litigi per un parcheggio o per il carrello del super o per chi c’è prima al banco salumeria.

Ma è sempre tutto relativo sappiatelo, perchè per ogni problema risolto, ce ne sono altre diecimila pronti dietro l’angolo!

E così ad ogni ospite in difficoltà, arrabbiato, deluso, segue una serie ommmmmmmmmmm infiniti; ci vuole una santissima pazienza e a costo di sembrare un pò grinch resilienza a secchi come se piovesse; il segreto è tutto là, pazienza, silenzio e vai avanti.

E su questa cosa del silenzio ci ho messo molto tempo a farla diventare mia , nonostante le grandi doti di diplomazia , ho impiegato un tempo lunghissimo a cercare di non farmi prendere dalle risposte avventate, che non solo aggravano il problema ma a volte lo rendono irrisolvibile.

Capite bene che poi, tutto questo, associato al caldo e ai millemila scazzi giornalieri, viene spontaneo preferire qualunque altra stagione all’estate.

Ma quando arriva arriva e dura centovertordicimila anni, inizia in un momento imprecisato di aprile, si interrompe qualche giorno di maggio o di giugno (dipende sempre da come si è organizzata le ferie con la primavera e l’autunno) e poi prosegue imperterrita fino ad ottobre inoltrato  insieme con tutto il pacchetto deluxe : sudore,zanzare ,afa!

Che gioia!

Ma la gioia sta tutta nel mentre   , quando boccheggi silenziosa alla ricerca di un fresco che non sia per forza indotto o meccanico  e ti viene in mente che potresti accendere il forno e fare una torta.

😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Perchè io sono così, quando ho caldo accendo il forno e alla fine non vi sembrerà niente di che fino alla prima visione della Madonna 😂😂😂😂😂😂😂 tranquilli !

che avviene soltanto nei primissimi momenti, poi la visione passa ma il buono resta !!!!

ellosò, non sto bene, ne sono consapevole,  dovrei forse starmene in panciolle, sotto un getto potentissimo di aria refrigerante, ma l’aria condizionata mi infiamma il nervo sciatico e il ventilatore muove solo l’aria e a mare non posso andare e dopo cinque minuti di divano con prediche annesse sulle varie cose che ho dimenticato VOLUTAMENTE di fare dopo una giornata di lavoro, mi alzo e m’annoio e quindi  tu,  cosa faresti?

Non accenderesti il forno per fare questa torta che è di un buono catatonico e di una semplicità impressionante, che potrebbe tranquillamente passare anche dal frigorifero per una rinfrescatina e risultare ancora più deliziosa?

Non prenderesti una boule, un cucchiaio e una frusta e la impasti in dieci minuti netti, gustandoti dopo , una meraviglia al limone?

Ma già che ci sei, non ti senti già soddisfatta di aver acceso il forno nonostante minosse  ,  l’hai preparata, cotta e sfornata e sei sopravvissuta a tutto questo, non ti sembra di essere già un super eroe?

E quindi, non la faresti altre dieci , cento, mille volte ?

Se la risposta è si, allora non mi resta che lasciarti la ricetta di questa bontà!

Se la risposta è no e non la faresti per nessuna ragione al mondo e non ti spieghi come mai ci sia gente che accende il forno anche con sessanta milioni di gradi fuori, allora facciamoci due domande, perchè sei qui?

ti sei persa ?

e visto che sei, vagando da un blog all’altro di questo etere, magari vuoi convincerti che il caldo è solo uno stato d’animo e preparare questa torta?

😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Sappi che mi aspetto almeno un plauso quando la proverai e penserai che è la torta al limone più buona e zero sbatti dell’universo 😄😄😄😄😄😄😄😄😄😄😄😄

intanto te la lascio qui, ma prima vi chiedo, ma voi, quando avete caldo che fate?

😉😉😉😉😉😉😉😉😉😉

Enjoy life 🎈

torta al limone

4 uova

180 gr di zucchero semolato

la buccia grattugiata di due limoni

il succo di due limoni filtrato

250 gr di ricotta

250 gr di yogurt greco 0%

125 gr di farina 00

125 gr di amido di mais

16 gr di lievito

1 pizzico di sale

procedimento:

lavorare lo yogurt e la ricotta insieme in una boule con lo zucchero semolato, si può utilizzare un cucchiaio o una frusta a mano; amalgamare il tutto ed aggiungere la buccia grattugiata del limone.

Aggiungere le uova ed amalgamarle al composto.

Aggiungere la farine ed amalgamare, in seguito setacciare l’amido sulla battuta e il lievito sempre setacciato.

Amalgamare il tutto con una frusta e in ultimo aggiungere il succo del limone filtrato e il pizzico di sale.

Preriscaldate il forno a 170° statico.

Date un’ultima amalgamata al composto

Versate in una teglia da 25 cm precedentemente imburrata ed infarinata ( io ho usato lo staccante) e cuocete inforno per circa 45 minuti, ma fate sempre la prova stecchino.

Una volta pronta , aspettate che freddi leggermente e poi capovolgetela su di una gratella a far raffreddare completamente .

trasferitela su di un piatto da portata e cospargetela di zucchero a velo.

Una volta fredda potete anche conservarla in frigo se vi piace fresca, anche se, secondo la mia modesta opinione è buonissima anche così.

la torta è pronta , potete gustarla in tutta la sua bontà!

Grazie per aver letto fin qui e alla prossima ricetta!

Vi ricordo che potete trovarmi su instagram facebook con tantissimi contenuti video interessanti!

Post correlati

panettone classico arancia e cacao

Teresa

torta semplice alle fragole

Teresa

torta vegana alle fragole

Teresa

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.