Torte semplici e plumcake

cherry cake torta alle ciliegie senza glutine

Processed with VSCO with al5 preset

Ogni anno a giugno, dal 2007 ad oggi, per me è un momento tragico e fantastico allo stesso tempo.

corrisponde alla nascita della mia primogenita Cerbero , al secolo Michelle.

possiamo dire , che tutto ha avuto un senso cosmico, al suo primo compleanno, quando facendo una ricerca su internet, trovavo queste torte MONUMENTALI torte americane;

venne a me , un sito fantastico, dove non solo erano stupende, ma mastodontiche, esagerate, monumentali.Ecco. io mi sentivo così, da torta monumentale.

peccato che non sapessi farle. E che  ci fossero difficoltà enormi per la reperibilità della materia prima, con costi così esorbitanti che avrei potuto comprarci un gioiello;

Avrei voluto realizzare per il primo compleanno della Michelle una di quelle torte; ma ricordiamoci che era il 2007 e la pasta di zucchero non era in commercio.

NON LA CONOSCEVA NESSUNO.

così, traducendo una ricetta di una home bakery americana , ho fatto il mio primo esperimento, sappiate che il glucosio l’ho comprato in farmacia e il farmacista Massimo mi guardò assai strano

🙂 🙂 🙂 ma cosa ci devi fare ? -mi chiese- UNA TORTA! fu la mia risposta anche orgogliosa!!!

il mio amico Massimo si diede una pacca in testa, sapevo che eri pazza, ma non fino a questo punto!!

:):):):)

Tutto questo non mi ha assolutamente fermato.

Anzi; ha alimentato ancor di più quella follia di riuscirci senza sapere come fare esattamente.

(dimenticate gli smartphone e tutto quello che si è correlato a loro, ancora usavamo cellulari che si facevano ancora un pacco di fatti loro)

E’ stato difficile come prima volta la prima volta e molto faticoso a causa dei  3000 gradi di quel giugno, sono riuscita a confezionare la mia prima torta in pasta di zucchero.era una torta con una Hello kitty enorme , di cui non ho conservata nemmeno una foto; non feci in tempo a fotografare nulla; del resto, di lì a poco , sarebbe iniziata questa smania della fotografia ai dolci.

negli anni si sono susseguite torte bellissime e torte bruttissime, che sono caracollate a causa del caldo intenso, principesse storpiate dalla calura che somigliavano più a dei personaggi dell’orrore

monumentali teiere di polistirolo, hawaiane alla quale ondeggiavano le gonne;

io non posso definirmi una cake designer, non ne ho proprio le qualità e come in tutto, ho cercato di arrangiarmi alla meglio e di imparare sul campo.

questo per dire che l’umiltà è alla base di tutto e che io, non me lo dimentico affatto che ero quella che non sapeva cucinare!!!!

tornando a Michelle, passata la fase zuccherosa, ha iniziato a chiedermi torte più semplici e per molto tempo siamo andati avanti a cheesecake di tutti i gusti.

Quest’anno, mi è andata di lusso.

mi aveva chiesto una red velvet a due piani, che ho ovviamente realizzato e per festeggiare con semplicità , con noi poveri umani plebei che saremmo restati a casa ( perchè  non eravamo invitati alla festa….:(…) una torta semplice e campagnola mi ha detto.

qualcosa che mi faccia ricordare quanto è bella la natura.

AAHHHH che romantica mi verrebbe da dire; peccato che è cerbero!! Non si chiama così a caso!!!

E’ la stessa persona che dormirebbe sepolta dai gatti ma che poi rifugge da suo fratello :/

Cioè è il tipo di persona che fa slogan sulla parità di genere, la tolleranza , il gay pride, le differenze sociali e poi ci sbatte la porta in faccia un giorno si e l’altro pure.

L’adolescenza è una cosa difficile assai.

MeU DEU.

non avevo certo capito che avrei dovuta riviverla anche nelle vesti di madre!!!!!

nonostante tutte queste turbolenze ormonali e caratteriali , ho realizzato per lei e per noi tutti una soffice e golosa ciambella cuore alle ciliegie.

Le ciliegie sono quelle del mio alberello, raccolte da me  medesima salendo su una vecchia scala tremolante 🙂 che cosa non si fa per amore <3 !!

Sdolcinati a parte, vi lascio la ricetta.

Grazie per aver letto fin qui!

Se replichi la mia ricetta o se hai un commento, puoi scrivere qui o sulla mia pagina instagram!

ricetta :

ingredienti:

4 uova

190 gr di zucchero

370 gr di ciliegie snocciolate

115 gr di farina di riso

250 gr di maizena

250 gr di latte condensato al cocco prozis in alternativa potete usare un altro latte condensato

1 bustina lievito

la buccia grattugiata di mezzo limone

salsa alle ciliegie

200 gr ciliegie snocciolate

4 cucchiai di zucchero

2 gr gelatina

succo di limone

preparazione:

monatre fino a triplicare uova, zucchero e buccia di limone.

deve essere una massa sostenuta e bianca.

aggiungere il latte condensato, amalgamare ben e setacciare insieme le due farine con lievito.Aggiungerle alla massa con una spatola, cercando di non smontare il composto.

Aggiungere le ciliegie tenute in frigo fino all’ultimo, infarinate leggermente, versare in uno stampo unto ed infarinato (io ho usato lo staccante) e cuocere in forno statico a 170°

per la salsa.

in un pentolino d’acciaio, versare le ciliegie ,lo zucchero e il succo di limone. mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda, quando le ciliegie si saranno sciolte insieme zucchero, togliere dal fuoco, aggiungere la gelatina ammollata e strizzata e passarla con il frullatore ad immersione per renderla fluida e liscia.

quando la torta è cotta (fare sempre la prova stecchino) sfornare su di una gratella e attendere che lo stampo sia abbastanza tiepido altrimenti la torta vi rimarrà tutta nello stampo.

passare su di un piatto da portata e guarnire con la salsa di ciliegie.

LO stampo che ho utilizzato è di @nordicware, ma voi potete utilizzare un qualsiasi stampo che avete a disposizione!

grazie per aver letto e buon appetito 😉

Post correlati

panettone classico arancia e cacao

Teresa

torta vegana alle fragole

Teresa

plumcake romantico con biscotti batticuore

Teresa

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.