Pasta frollaRicetteRicette speciali

galette des rois versione lactose free

Avevo già parlato sull’effetto liberatorio dell’arrivo della befana; primo tra tutti la riapertura della scuola, con conseguente liberazione degli spazi comuni, riuscendo finalmente a vedere il colore del divano!

e che io a rimettere a posto coperte e cuscini e i bambocci a rimettere in mezzo, non ci sono riuscita un solo giorno, ad avere il salotto in ordine;

eh si che è abbastanza spazioso, ma anche l’abbastanza spazioso, ad un certo punto diventa saturo.

E non crediate che io sia mia madre, che non ci faceva avvicinare ai divani se non eravamo sterilizzati a dovere, con indosso le tute della nasa, ma non quelle in propilene, quelle rivestite in velour, perchè i divani , in pieno stile anni ’70, erano di un vellutino color beige, che per inciso, prima che Armani ne facesse il colore più elegante del mondo, addirittura inventando la tonalità GREIGE, i divani che mia madre custodiva gelosamente , a me sembravano decisamente anonimi.

😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅

gusti de gustibus;

rimane il fatto che dovevamo sederci con parsimonia, mai sui braccioli ed è inutile che vi dica che era vietatissimo mangiare sul divano, ma ancor più vietato bere!!!

uno stress continuo, soprattutto, quando a random, faceva attacchi a sorpresa , per vedere se l’avessi sporcato in qualche modo, anche solo con il pensiero!

Alla fine, quando ha ristrutturato casa, i divani sono rimasti per poco , senza essere stati particolarmente usati , per poi essere sostituiti da una versione più comoda e moderna.

😐😐😐😐😐😐😐😐😐😐

Nella mia casa, le regole sono molto più flessibili, ma la flessibilità , è ovvio che porta al caos

se poi aggiungiamo che sono già io super caotica, le due cose insieme, fanno un mix direi esplosivo!

😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

non a caso, in quanto a disordine, è probabilmente uno scalino più su, rispetto alle altre, prendendo in considerazione lo stesso periodo!

considerato poi, che i bambocci ci vivono in pianta stabile, l’idea di averla in ordine , è decisamente un miraggio!

😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

ogni mattino,

quindi ,

un bamboccino o un cerbero sa,

che dovrà essere più veloce del fratello/sorella ad occupare

✅il posto migliore sul divano (che sono le due estremità)

✅a ricercare i telecomandi, con relativa conquista della tv e quindi del programma preferito

✅ad approvvigionarsi di derrate alimentari di ogni tipo( nonostante il divieto di mangiare sul divano)

✅ alla conquista della coperta  preferita

Per poi piazzarsi candidamente e non muoversi per nessuna ragione;

salvo se suona il corriere; il corriere si sa, tutto può, smuove chiunque dai divani 😃😃😃😃

Tralasciamo il fatto che nonostante siano armati di telefoni, telecomandi e console e si ignorino abilmente per ore ed ore, fino ad  azzuffarsi per un pizzo di coperta (l’avevo prima io è ricorrente) o l’ultimo biscotto.

i più grandi litigi, nascono sempre per l’egemonia di un territorio.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

E’ risaputo urbi et orbi

che io sono estremamente flessibile, ma arrivati ad un certo punto, anche questa flessibilità va a farsi benedire; soprattutto, quando la stanza in questione, somiglia più ad un campo di battaglia con morti e feriti, che ad una zona relax;

così

dopo aver sclerato che ti sentono fino a Capo Nord

dopo l’embolo partito nonostante aver contato fino a settemilionicinquecentotrentatrè

dopo la trasformazione che hulk spostati 😅😅😅😅

l’effetto ottenuto, tra i : io non c’entro è stata lei ed io non c’entro è stato lui è lo spostamento di una scarpa, abbandonata la sera prima, con conseguente ricerca (ovviamente mia) dell’altra mancante

il riportare in cucina  tazze, tazzine e cucchiaini, nonostante , ad ogni passaggio salone-cucina, porto via qualche suppellettile, tanto da farmi immaginare che migrino da sole dallo scaffale al divano 😏😏😏😏😏😏😏

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

ritornando all’arrivo dell’epifania, a quanto pare , sono l’unica ad essere contenta

😁😁😁😁😁😁😁😁😁😁😁😁😁

ma si sa, le cose belle finiscono e a me , queste cose belle, sembra siano durate un’eternità!

sogno già di passare l’aspirapolvere senza intoppare in ostacoli di ogni tipo, dalle nerf ai libri, dalle cose semplici , come ciabatte di due tipi diversi, cavetti di ogni tipologia ecc.

Si fanno anche delle scoperte interessanti: un calzino incastrato nei cuscini, la testa di un lego, un miliardo di briciole, mollette di ogni tipo, che non ho capito se cerbero usa il divano come contenitore di queste o cadono e basta; sono certa che prima o poi, ripulendo tra i cuscini troverò anche un gruppo di ciclisti, una qualche comunità berbera , un arabo e un cinese 😂😂😂😂😂😂😂😂😂

Il mio divano come centro di raccolta oggetti smarriti !!!!

E’ arrivato finalmente il momento di posare luci e lucette e di ritornare a quella sana normalità pre-feste; che poi mi devo sbrigare a godermi questo poco inverno che ancora non è arrivato, che in attimo arriva l’estate e ciao addio

t’aggia volut bene assai!!!!

😅😅😅😅😅😅😅😅😅😅

Mi è sembrato doveroso, festeggiare la befana, mia preferita , con uno un dolcetto; la mia scelta è caduta sulla galette des rois

La torta originale , prevede due dischi di pasta sfoglia, ripieni di crema frangipane ; nella farcia, si mette una mandorla intera e si ricopre con il secondo disco di sfoglia, chi trova la mandorla, si dice sarà molto fortunato.

La storia , ci dice  , che all’interno del frangipane si nascondesse una statuina di ceramica, un anello o un sassolino; e il fortunato trovateur di questo cimelio, avrebbe avuto fortuna e buona sorte.

non credo tanto, immagino il ritrovamento del sassolino e il conseguente crack dei denti!!!

una responsabilità enorme!!!!

ho volutamente scelto di non mettere un sasso 😂😂😂😂😂😂😂

immaginate la sorpresa di chi l’avesse presa sotto i denti

e soprattutto il conto del dentista dopo!!!!

Ho chiaramente modificato la ricetta, mi serviva una versione senza lattosio per far si che cerbero la mangiasse senza problemi.

in realtà , avrei potuta farla con una sfoglia vegetale, ma ho scelto volutamente una frolla , alle mandorle, rustica e golosa ed un frangipane senza cottura davvero molto goloso.

la ricetta del frangipane l’ho presa in prestito dalla mia amica francesca @lemerendedellafrancy , la trovate su instagram e sul suo blog ci sono tante ricette davvero interessanti.

Grazie Francy !

chiedo venia ai magi per la licenza poetica , spero ovviamente vi piaccia la mia versione.

Grazie per aver letto fin qui e se vi piace questa ricetta, potete lasciare un commento in fondo ❤

Galette des Rois

Ingredienti:

frolla alle mandorle:

260 gr di farina 00

80 ml di olio

80 gr di mandorle ridotte in farina

120 gr di zucchero a velo

1 uovo e 1 tuorlo

1 cucchiaio di essenza di vaniglia

la buccia grattugiata di mezzo limone

un bicchierino di limoncello o un altro liquore di vostra scelta

1 pz di sale

Frangipane senza burro

ingredienti:

120 gr di mandorle con la buccia ridotte in farina

120 gr di zucchero a velo

90 ml olio di semi

2 uova

50 gr di amido di mais

buccia di limone grattugiata

buccia di arancia grattugiata

per completare:

4 cucchiai di confettura a vostro piacimento

io ho usato frutti rossi

zucchero semolato e poco tuorlo diluito per lucidare

procedimento:

prepariamo la frolla

con un cutter maciniamo le mandorle riducendole in farina

in una boule miscelare la farina 00 e la farina di mandorle, aggiungere gli aromi, lo zucchero e mescolare.

aggiungere le uova , l’olio e il pizzico di sale, amalgamare gli ingredienti ed in ultimo aggiungere il liquore, bisogna ottenere un panetto sodo che metteremo in frigo a riposare almeno mezz’ora.

per comodità potete usare anche un robot da cucina o la planetaria.

avvolgete il panetto nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo.

Nel frattempo prepariamo il frangipane.

Generalmente la crema frangipane viene cotta sul fornello, ma ho letto più volte la ricetta di francesca e non ho trovato indicazione di cottura; devo dire che mi è piaciuto moltissimo, per la velocità di esecuzione e per la leggerezza.

Frulliamo le mandorle nel cutter fino ad ottenere una farina.

Alle mandorle uniamo lo zucchero e l’amido e mescoliamo in modo che non si formino i grumi; aggiungiamo gli aromi e le uova leggermente sbattute, mescolare con una frusta affinché diventi bello omogeneo ed i ultimo aggiungiamo l’olio.

Tiriamo fuori la pasta frolla e la dividiamo in due parti.

stendiamo un panetto tra due fogli di carta forno e la posizioniamo nella teglia , pareggiamo i bordi e bucherelliamo il fondo.

Sul fondo stendiamo uno strato leggero di marmellata, versiamo il frangipane e livelliamo con una spatola.

Inseriamo la mandorla sul frangipane, io ne ho messe quattro, mi erano avanzate e le ho inserite tutte, nello stesso spicchio.

Stendiamo il secondo panetto e copriamo la torta, uniamo i bordi pareggiando il tutto;

con un coltello affilato ricavare delle linee curve sulla frolla, pennellare con il tuorlo diluito e spolverizzare con lo zucchero semolato.

Cuocere in forno preriscaldato a 180° statico per circa 40 minuti.

Quando la parte superiore è bella dorata la torta è pronta, il suo profumo irresistibile di mandorle riempirà tutta la casa.

Grazie per aver letto fin qui, non mi resta che augurarvi buon appetito!

Ci leggiamo alla prossima ricetta.

enjoy life 🎈

 

 

 

 

 

Post correlati

frittatine di pasta

Teresa

torta di mele e crumble di noci

Teresa

tart al basilico e mousse tonno e alici

Teresa

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.